PROTOCOLLO CONDIVISO DEL 24 APRILE

È disponibile una versione aggiornata al 24 aprile del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento del nuovo coronavirus negli ambienti di lavoro.

La nuova versione tiene conto dei più recenti provvedimenti del Governo e del Ministero della Salute e, pur confermando tutti i punti del precedente “ Protocollo condiviso”, aggiunge nuove disposizioni a partire da quella relativa alla sospensione delle attività in carenza di sicurezza.

Si indica che, come già riportato nella precedente versione, la prosecuzione delle attività produttive può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione, ma si aggiunge che “la mancata attuazione del Protocollo che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza”. SCARICA QUI 2020.4.24 Nuovo protocollo per il contrasto della diffusione del virus negli ambienti di lavoro.

 

BOZZA DPCM FASE 2

Nella bozza del DPCM sulla Fase 2 (in quanto documento provvisorio, invitiamo a prendere le disposizioni con le necessarie cautele)

è indicato, all’art. 2, comma 6 “ Le imprese le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali….” SCARICA QUI bozza-DPCM-4-maggio_fase 2

Menu